Uno stralcio immobiliare molto fortunato.

Ho sempre affermato che negli investimenti immobiliari non esiste la fortuna; e' sempre questione di abilita' e conoscenza delle regole del gioco.
Ma l'operazione che ora vi sto per raccontare ,ho proprio detto alla fine " che fortuna"!!!!

Credo anche che la fortuna ,se esiste ,in questo settore va anche ricercata e guadagnata ed infatti se non avessi mai deciso di investire in immobili con gli stralci immobiliari probabilmente non avrei mai concluso questo investimento redditizio.

Se siete curiosi vi spiego subito com'e' andata questa operazione immobiliare molto fortunata.

Oggi vi parlo di un operazione del 2010 di qualche anno fa .
Se conoscete la mia storia ,saprete benissimo che sono diventato investitore immobiliare partendo da zero e senza capitali ne risorse ho iniziato con tecniche adatte alla mia esperienza e non avevo mai toccato gli stralci immobiliari .

Ci sarei arrivato piano piano .
Era da poco tempo che concludevo affari anche in questa nicchia degli investimenti immobiliari quando un sabato mattina , che io dedico sempre alla consegna delle lettere agli esecutati, suono alla porta di questa famiglia che aveva da tempo la casa pignorata e con un asta imminente .
L'immobile era un 60 mq circa in un quartiere semi-residenziale di Genova.

All'asta era proposto a circa 120,000 euro e ne veniva da 2 incanti andati deserti.
Insomma faccio la mia intervista all'esecutato , ascolto la sua storia fatta di cattiva gestione delle proprie spese personali e mi trovo davanti ad un operazione che io considero valida perche' non presentava altro che un creditore privilegiato ( una banca) e un po' di condominio e circa 1000 euro di Equitalia( quella non manca mai).

Secondo i miei conti fatti con il mio Price l'immobile nel mercato libero poteva essere stimato tra i 90000 e i 100000 euro.

Non c'era molto tempo piano piano a furia di incanti deserti l'immobile sarebbe stato prima o poi aggiudicato .

Allora raccolgo le delega , formulo la mia offerta ai creditori e insomma per farla breve ottengo una risposta positiva e mi accordo per transare o meglio stralciare tutti i debiti per 56000 euro .
Non avevo molto tempo e quindi non ho potuto effettuare lo short trading e quindi ho aggiunto le spese di passaggio ,cancellazioni ipotecarie ecc e mi intesto l'immobile a 69000 euro comprese spese e compreso l'incentivo all'esecutato per avere le chiavi all'atto.

Fin qui ci sarebbe gia' da essere felici perche' non e' semplice stralciare un immobile ,certamente non mi sono sentito fortunato a concludere l'operazione perche' non avevo fatto un investimento eccezionale .

Di solito devi acquistare almeno al 40% -50 % del prezzo di mercato l'immobile con uno stralcio ,ma mi sono accontentato.
La fortuna e' arrivata quando il giorno del trasloco degli esecutati ,si avvicina una vicina di casa e salutando i signori chiede loro se l'immobile l'avrebbero messo in vendita !
Non sapeva probabilmente tutta la storia che c'era dietro quella casa ,comuqnue mi avvicino e gli dico che sono io il nuovo proprietario !
Lei mi disse subito che voleva comprare solo in questo palazzo perche' si trovava bene e non voleva piu' stare in affitto.
Colpo di fortuna ? 
Fate voi .

Prendo appuntamento per il giorno dopo e gli faccio vedere con calma la casa che sinceramente dopo il trasloco lasciava vedere segni evidenti di usura ,pereti segnate dai mobili oramai portati via .
Di solito non faccio visionare gli immobili senza averli risistemati con le mie tecniche di rivalutazione chiamate "optional redditizi".
Ma cosa avevo da perdere ? Non avevo ancora quasi fatto l'atto .
La casa viene vista e percepisco subito zero dico zero resistenze o segnali che noi mediatori percepiamo quando si vuole trattare .
Allora mi chiede quanto volevo della casa!
Io sparo tanto a scendere avevo tempo.
Chiedo per l'immobile 125000 euro che era un 25  % in piu' di quello che valeva .
Ecco il colpo di  fortuna .
La signora mi dice " non puo' darmela a 120000 ,io pago tutto in contanti".
Io faccio il pensieroso e alla fine ci accordiamo per 120000 euro.
Ricordo ancora l'emozione di quando il giorno dopo presi la mia caparra e gia' pregustavo una bella plusvalenza.

Io in quell'immobile avrei speso almeno 7000 euro per migliorarlo e chiedere non piu' di 115000 euro
Senza dubbio un colpo di fortuna!
O forse no?
Io dico che se non avessi mai iniziato ad investire in immobili non avrei mai ricevuto questa offerta.
Ma posso ritenermi fortunato questa volta.
Tirare fuori 70000 euro e rivendere l'immobile a 120000 euro nel giro di pochissimo tempo non e' nella regolarita' delle cose.
50000 euro spesso si guadagnano in quasi 4 anni di duro lavoro e questo deve far riflettere a tutti che ognuno di noi ha il dovere di creare benessere onestamente per se e la propria famiglia e che il lavoro tradizionale e' oramai superato .
I soldi provenienti dal lavoro non hanno lo stesso valore di quelli provenienti dalla tua intelligenza e capacita' di sfruttare le regole di un gioco che in questo caso si chiama "guadagnare con gli stralci immobiliari".
Ti auguro buona fortuna anche a te!
Franco.

1 commento:

  1. Il valore è sempre dato dall'incontro di due parti. A meno che non c'è un cartellino con il prezzo chge è diverso dal valore. Il valore è un fatto personale: emotivo, convenienza, opportunità etc.
    Non esprime giudizi ma acquisisci conoscenze. Giuseppe

    RispondiElimina